Contro l’ISIS

«Non credo che in alcun periodo della nostra storia Islamica abbiamo fronteggiato una minaccia simile, dinanzi a cui abbiamo ora bisogno di unirci, per combatterla: come Musulmani, e in particolare come Sapienti musulmani.»
(Shaykh Muhammad al-Yaqoubi, già insegnante presso la Moschea ‘Umayyade di Damasco, autore di Refuting ISIS)

L’estremismo islamista costituisce una minaccia esiziale per i Musulmani e per la loro tradizione sapienziale, oltre che per la convivenza civile nei Paesi che ne vengano affetti o colpiti. Radicandosi nell’antica eresia dei dissidenti scissionisti (khawârij), e nutrendosi dell’eresia contemporanea del distacco dalle scuole ortodosse (lâ-madhhabiyyah), l’argine più solido e l’antidoto più efficace alla sua diffusione è la vivificazione della sapienzialità Islamica tradizionale, di cui esso costituisce propriamente un tradimento e una sovversione.

In questo senso, sono innanzi tutto i Sapienti musulmani ad aver denunciato e combattuto le derive estremiste, fin dalle loro prime manifestazioni nei Paesi arabo-musulmani: il loro impegno (jihâd) si è espresso tanto sul piano dell’insegnamento, dell’educazione e della confutazione dottrinale, quanto su quello del sacrificio personale e del martirio, in quelle zone direttamente afflitte dalla piaga dell’estremismo e delle sue manifestazioni militanti.

Il nostro impegno è quello di trasmettere e mettere a disposizione, in lingua Italiana, gli insegnamenti e le confutazioni articolate dai Sapienti musulmani nell’ambito della loro opera di contrasto all’estremismo – e di contribuirvi nel nostro piccolo. Questo impegno si è tradotto finora nella pubblicazione della raccolta «Contro l’ISIS», edita da Giorgio Pozzi Editore, prima antologia in lingua Italiana di autorevoli posizioni sapienziali Islamiche (fatâwâ) di condanna del terrorismo islamista, tra cui figura la fatwâ sull’ISIS del Consiglio Islamico Siriano.

Di prossima edizione è altresì la traduzione Italiana di Refuting ISIS, confutazione sistematica dell’ideologia e degli argomenti dottrinali propagandati dall’ISIS e dai movimenti estremisti. Redatta da Shaykh Muhammad al-Yaqoubi, quest’opera non ha solo consentito di chiarificare lo statuto illegale e sedizioso di tali movimenti, ma ha altresì promosso e sostenuto la lotta armata nei loro confronti, in modo da scongiurarne l’influenza politica e culturale sulle popolazioni locali.

Ulteriori contenuti, traduzioni e interventi sono progressivamente messi a disposizione su questo sito, e raccolti sotto l’etichetta «Contro l’ISIS»: dedicati alla chiarificazione di tematiche specifiche, questi intendono concorrere altresì ad una rettificazione delle calunniose distorsioni attribuite alla tradizione Islamica e al suo plurisecolare insegnamento di pace, di giustizia e di civiltà.

«La guerra ha inizio nella mente delle persone. Oggi possiamo sconfiggere l’ISIS, ma se non sconfiggiamo la sua ideologia, avremo un’altra generazione che verrà a combatterci nuovamente, dopo pochi anni. L’ideologia dell’ISIS si potrà sconfiggere solo vivificando l’Islam sunnita, l’Islam [storicamente] maggioritario, l’Islam dei quattro madhâhib, l’Islam del Tasawwuf – e non l’Islam del tatarruf (estremismo) – l’Islam della misericordia, l’Islam della saggezza: quell’Islam che è sopravvissuto per 14 secoli e che sopravviverà fino alla fine dei tempi, quell’Islam che ha una stanza accogliente per ciascun essere umano e per qualsiasi differenza, che consente a ognuno di esprimere la sua opinione nella maniera più rispettosa: quell’Islam che porta la vita, e non la morte; la luce, e non l’oscurità.»